Milano, l’uomo in passerella

Si è conclusa Milano Moda Uomo, 4 giorni di backstage, ritmi sfrenati, party e street style. Come porteranno i capelli gli uomini la prossima stagione? Una cosa è certa, l’uomo  ritorna uomo, virile ma occultamente curato. Vi raccontiamo il nostro viaggio tra i belli dei backstage.

Il tutto è iniziato con la sfilata per i 20 anni di Dsquared2, una celebrazione  dell’uomo al naturale, che deve essere curato senza perdere la sua mascolinità. Il trend per la prossima stagione vuole i capelli con la riga da parte, per un look smart e pettinato.

Altra sfilata evento della settimana della moda dedicata a Lui è stato lo show di Philipp Plein. Uomini che si trasformano in guerrieri dai capelli selvaggi, lasciati al naturale con solo un po’ di sea salt spray per dare movimento.

antonio marras fall winter 2015

Antonio Marras

 

Da Antonio Marras il mood è a metà tra Robert De Niro in “Taxi Driver”, dall’anima trasgressiva anni ’70 con capelli rasati e la cresta centrale, e ricordi anni ’40 che si ispirano al pittore sardo emigrato negli Stati Uniti. Un mix dove si consuma tutta la battaglia metropolitana cifra stilistica della collezione. I capelli anni ’40 vengono interpretati con una riga da parte molto bassa e l’effetto wet con i segni dei denti del pettine che ricorda la tipica brillantina.

Da N.21, l’uomo è perfetto, minimal ed elegante. I capelli sono da bravo ragazzo, facilmente riproducibili con il fai-da-te quotidiano.

Eccentrico è l’uomo di Roberto Cavalli che porta un look alla Rockabilly rivisitato in chiave moderna, con capelli tiratissimi impomatati ai lati e volume extra ottenuto con il ferro nella parte centrale. Pronto per solcare la passerella con pantaloni di pelle e pelliccia.

backstage roberto cavalli

Dal backstage di Roberto Cavalli